Sei un IT Manager di una piccola o media impresa? “Non c’è budget” è la risposta che ti senti dire più spesso? Ecco come affrontare le obiezioni della direzione e convincerla a investire nell’infrastruttura informatica.

 

L’informatica negli ultimi decenni è cambiata profondamente.

Uno dei fattori che maggiormente ha influito sulla sua evoluzione è stato proprio il ruolo che oggi è arrivata ad assumere all’interno delle aziende.

L’IT non può più essere considerata un semplice supporto alle attività bensì dev’essere sin da subito pensata come elemento essenziale per la sopravvivenza del business. Ecco perché oggi più che mai è essenziale, per un’azienda, investire nell’IT.

L’IT è parte integrante del business, il quale, senza essa, non può più sopravvivere.

Eppure il concetto non è ancora chiaro a molti. Spesso gli imprenditori tendono a prendere le distanze da un tema che, per una serie di motivi, appare forse troppo astratto o poco comprensibile.

Oggi come non mai, quindi, la figura del Responsabile IT è una risorsa estremamente importante per le organizzazioni.
È proprio grazie a lui che la cultura dell’informatica può entrare nelle aziende e diventarne parte integrante.

Ma come puoi, tu IT Manager, convincere il tuo capo a investire nell’infrastruttura informatica?

Ecco alcune soft skills che a nostro avviso è il caso di sviluppare per poter ottenere presto altro budget da investire nell’IT.

 

1 – Impara a dialogare e comunicare

Lo sappiamo, non sei un commerciale. Eppure quando si ricopre un ruolo di responsabilità è fondamentale sapersi un pochino vendere. E saper vendere le proprie idee, facendo capire che sono frutto di una riflessione orientata al bene dell’azienda.

Attenzione però: considerate probabilmente il vostro titolare non ha la padronanza che avete voi sui temi che gli proponete.

È importante che siate voi a fare un passo indietro: calatevi nei suoi panni, spiegategli le cose in modo chiaro ma semplice. Ponetevi quindi più come un formatore che come un venditore.

 

Si raggiunge un accordo più facilmente se si parte da un accordo, e non da un disaccordo

Milton Erickson

 

2 – Fai tua tua la mission azendale

E allinea l’IT alle esigenze del business. Fai capire al tuo capo che sei dalla sua parte e che le soluzioni tecnologiche che vuoi introdurre servono proprio a far raggiungere al meglio gli obiettivi aziendali.
Non devi comunicare al capo ciò di cui hai bisogno tu bensì ascoltare ciò di cui ha bisogno lui. A quel punto, dopo aver compreso realmente le sue preoccupazioni, le sue esigenze, i suoi obiettivi, potrai dimostrargli che attraverso l’IT potrà soddisfarli.

Dimostrargli che un investimento nell’IT risolverà i suoi problemi. Come?

 

3 – Razionalizza le informazioni

Giochiamo in casa: informatici e razionalità si sposano a braccetto.
Eppure ci teniamo a sottolineare che solo dinnanzi a dati razionali potrai dimostrare le tue convinzioni. La direzione apprezzerà molto di più. Ricordati che tutti i risultati sono misurabili e dinnanzi ai numeri non possono esservi obiezioni.

 

4 – Devi conoscere a fondo l’azienda.

E quando diciamo a fondo, intendiamo conoscerla veramente in ogni suo singolo componente: dipartimenti, persone, clienti ecc… Non lavorare per compartimenti stagni: un’azienda ha successo solamente quando tutti i suoi singoli ingranaggi non solo funzionano, ma funzionano incastrandosi alla perfezione tra loro.

E tu li devi conoscere tutti, per poter garantire un’infrastruttura informatica che faccia girare al meglio ogni singolo “rotella”.

 

5 – Parla con i tuoi colleghi

Ascolta le loro esigenze quotidiane, che tu sai di poter soddisfare attraverso l’IT. Sii aperto al confronto e, quando non è possibile soddisfarli, spiega loro il perché.

 

Un rapporto aperto con i tuoi colleghi li trasforma in alleati.

 

Vedrai che saranno loro i primi a darti man forte quando arriverà il momento di richiedere il budget alla direzione.

 

Questi sono i nostri 5 piccoli consigli per fare in modo di convincere il tuo capo a investire nell’IT.
Come avrete notato, non abbiamo parlato di competenze tecniche, che in quanto CIO o IT manager sappiamo benissimo che possedete.

Si tratta di andare più in là delle cose: il vostro non è un ruolo operativo ma di mediazione e relazione.

Introdurre la cultura tecnologica nelle aziende non è semplice, lo sappiamo. Nonostante viviamo in un mondo totalmente informatizzato, vi è ancora molta diffidenza nei confronti dell’IT.
Ma diffondere una cultura non significa imporla bensì insegnarla.

Per cui forza e coraggio, la vostra (e la nostra) è una missione che, se portata avanti nel modo giusto, è destinata al successo.

 

Share This