Nuovo primato per IBM: in collaborazione con Sony, il colosso dell’informatica ha realizzato una cartuccia capace di memorizzare più di 300 Terabyte di dati non compressi.

Un minuscolo nastro magnetico capace di contenere dati per 330 Terabyte. È l’ultima novità uscita direttamente dai laboratori di ricerca IBM.

Un’enorme quantità di informazioni contenute una mini cartuccia. Appena un decennio fa i dati non compressi raggiungevano i 6.67 miliardi di bit per pollice quadrato. Oggi sono 201 miliardi.

Una collaborazione, quella con la Sony Storage Media Solution, che ha portato a un risultato a dir poco incredibile.

Cosa porterà questa evoluzione nell’archiviazione nel mercato mondiale? Come dichiara lo stesso Evangelos Eleftheriou, ricercatore IBM, i nastri magnetici che solitamente vengono utilizzati per archiviare dati, backup e disaster recovery, iniziano a trovare il loro posto anche nel mondo delle applicazioni Cloud.

Pensavate che l’era della memorizzazione su nastro fosse finita?

Share This