Quando la passione per l’informatica e l’amore per lo sport si uniscono, nasce un connubio che è più forte del ferro. Matika Spa si fa promotrice di un evento che vuole avvicinare il mondo dello sport a quello dell’informatica.

Mirko Spanevello, Solution Architect di Matika, Massimiliano Frare, IT Manager di Veneta Cucine, e Simone Venturin, Responsabile IT di CGIL CAAF Nordest parteciperanno come Team Matika a una delle gare atletiche più dure e impegnative che esistano: l’Iron Man. E lo faranno a Venezia, il prossimo 11 giugno, in occasione della seconda edizione del Challenge Venice.

Veneta Cucine e CGIL CAAF Nordest e Matika Spa: tre aziende venete fortemente radicate nel territorio. Gareggiando insieme, rafforzano la loro reciproca fiducia, dimostrando che il loro è un rapporto che va oltre un semplice contratto Cliente/fornitore.
Perché nel lavoro come nello sport è importante prima di tutto fare squadra.
I tre atleti si succederanno in una staffetta nelle tre discipline del Triathlon: nuoto, bici e corsa.

 

Informatici di ferro – passione per lo sport a mille bit

Un trio di professionisti dell’informatica caratterizzato da un’anima sportiva e tanta determinazione.

Lo slogan sarà infatti “Informatici di ferro – passione per lo sport a mille bit”.
Inizierà Mirko, esperto nuotatore, che si tufferà dalla zona del Ghetto ebraico e affronterà le onde delle acque veneziane nel rettilineo di 3,8 km.
Simone monterà quindi in sella alla sua bicicletta e percorrerà 180 km, in un circuito che attraverserà per 3 volte i comuni di Venezia, Meolo, Marcon, Monastier, Quarto d’Altino, Roncade, San Doná di Piave e Musile di Piave.
Massimiliano correrà nella maratona finale per 42,2 km, immerso nel verde di Parco San Giuliano, portando così a termine la staffetta.

 

 

Com’è nata l’idea, da parte di Matika, di far squadra con alcuni clienti per partecipare al Challenge Venice?

Un pomeriggio il collega Mirko viene nel mio ufficio e mi dice di essere appena stato in vista da un cliente. “Abbiamo parlato di tecnologia” mi dice “alcune nostre soluzioni potrebbero fare al caso loro… ma sai che ho scoperto che il loro IT Manager ha la passione per la bici?”
Mirko è un esperto nuotatore.
Dopo un paio di giorni, alla macchinetta del caffè sento parlare di IronMan. Sapevo che era una gara di alto livello ma non avevo idea che venisse considerata la prova più dura del Triathlon e, soprattutto, non immaginavo che Mirko, il nostro bel nuotatore, volesse partecipare.
La passione per lo sport e la volontà di mettersi alla prova hanno spinto Mirko a creare un team.
Tre professionisti di informatica che si sono conosciuti in ambito lavorativo condividono un percorso che li porterà a raggiungere un progetto ambizioso.
Tre ragazzi determinati e consapevoli che dovranno dar il meglio di sé per tagliare il traguardo.
È così che noi di Matika intendiamo il lavoro: un interscambio di conoscenza, professionalità e “umanità” per raggiungere obiettivi comuni.

Antonella Campese, resp. Marketing Matika

Le origini dell’IronMan

Nel 1977 quando un gruppo di marines di servizio alle Hawaii discuteva su quale fosse la gara più dura tra le tre manifestazioni sportive del luogo: la Waikiki Rough Water Swim lunga 2.4 mls, la Oahu Bike Race di 112 mls e la Honolulu Marathon di 26.2 mls.
Il comandante John Collins propose di effettuarle tutte insieme, una di seguito all’altra:
«Swim 2.4 miles! Bike 112 miles! Run 26.2 miles! Brag for the rest of your life».
Con questo inno, il 18 febbraio 1978 quindici atleti affrontarono il primo Ironman, che venne vinto da Gordon Haller in 11 ore, 46 minuti e 58 secondi.
Ogni anno alle Hawaii si disputa il Campionato Mondiale di IronMan, la gara di Triathlon più famosa e importante al mondo.

Manca poco alla partenza!

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Second(s)

Share This